LEVIdata 13 record trovati  1 - 10successivo  salta al record: La ricerca ha impiegato 0.01 secondi. 
1.
[FM-2017-1171]

Una storia italiana – Rocco e i suoi fratelli / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno IX, 148, nov. - dic. 1960).
La recensione rappresenta non solo un commento al film, ma anche una lunga difesa della prospettiva critica di Cinema Nuovo, che ribadisce l'utilità della nozione di realismo e la considera, proprio alla luce dell'opera di Visconti, affatto lontana da considerazioni riguardanti il linguaggio cinematografico, in particolare alle combinazioni audiovisive, e a questo proposito ricorda proprio una «bellissima sequenza» delle “Notti bianche” dove si fa uso del rock 'n roll [...]
(critica musicale)
2.
spoglio
14387

Morricone va in concerto. Una lunga carriera come compositore cinematografico, e ora vengono eseguiti i suoi pezzi di musica seria
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Maggio, Anno IV n.28, 2.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
3.
[FM-2017-1241]

Giacomo Debenedetti e le risorse del cinema, contributi alle storia delle teoriche del film / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno VI, 110, 1 07 1957 ).
Nel riportare e commentare le considerazioni di Debenedetti, Aristarco sottolinea la convinzione del critico letterario che il cinema realizzi la propria vocazione artistica nell'alveo del realismo, che diventa pienamente compiuto proprio con il sonoro («realismo integrale») [...]
(critica musicale)
4.
[FM-2018-072 ]

Percorso d'artista: da Verdi a Mahler / Callisto Cosulich
Amadeus (II, 13, dicembre 1990).
Callisto Cosulich propone un’analisi delle citazioni operistiche nei film di Luchino Visconti e sottolinea la profonda conoscenza e padronanza del repertorio musicale da parte del regista milanese. [...]
(critica musicale)
5.
[FM-2016-092]

Teorica futurista e film d’avanguardia / Guido Aristarco
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (anno IX, n. 36-37, luglio-dicembre 1959).
Nel delineare i rapporti tra i movimenti artistici di primo Novecento e il cinema, Aristarco nota che in alcuni registi (Dulac) prevale nettamente l’intenzione di dissolvere le forme espressive tradizionali e le forme consolidate della comunicazione a favore di un flusso di immagini paragonabile ad una sinfonia (“musica degli occhi”) basata sull’associazione libera, sul pensiero automatico di matrice surrealista che rifiuta qualsiasi congiuntura razionale. [...]
(critica musicale)
6.
[FM-2016-272]

La musica nasce dai personaggi / Mario Nascimbene
Cinema (V, 90, 15/7/1952).
Intervista al compositore Mario Nascimbene che illustra sinteticamente il suo modo di comporre per il cinema; egli afferma di ricercare possibilità timbriche e sonore specifiche per il mezzo cinematografico, sia in sede di composizione che di sincronizzazione, e inoltre ritiene che la musica debba nascere dal film stesso, dalle sue situazioni e dai suoi personaggi [...]
(critica musicale)
7.
[FM-2017-997]

Il lungo coltello / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno IV, 67, 25 09 1955).
L'articolo critica alcune delle opere viste al Festival di Venezia del 1955 e il film su cui maggiormente si dilunga Aristarco è “Le amiche” di Antonioni [...]
(critica musicale)
8.
[FM-2016-078]

Radio e cinema / M. [Massimo Mila]
La rassegna musicale (1934, VII, n. 4).
Mila introduce il suo articolo affermando che vi sono «poche cose notevoli da segnalare al cinematografo». [...]
(critica musicale)
9.
[FM-2017-1194]

Schede – Quella certa età / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno VI 106, 1 05 1957 ).
La critica di Aristarco inizia con la descrizione della combinazione sonora che apre il film: essa è rappresentata dalla voce dei genitori che si fonde con il paesaggio sonoro della costa bretone ad indicare la loro assenza nella dimensione adolescenziale dei due protagonisti [...]
(critica musicale)
10.
[FM-2016-359]

Immagine e suono / Sergej Michajlovič Ėjzenštejn
Bianco e nero (XI, n.1, gennaio 1950).
In questo saggio di taglio analitico il teorico e regista russo pone in luce la portata estetica di una breve ed emblematica sequenza tratta da uno dei suoi film più celebri, l’Aleksandr Nevskij. [...]
(critica musicale)