LEVIdata 19 record trovati  1 - 10successivo  salta al record: La ricerca ha impiegato 0.01 secondi. 
1.
[FM-2017-036]

Musica al buio - P. Tshaikowsky, Meditazione (op. 72, n. 5) / Roberto Falciai
Cinematografo (22.1.1928, n. 2).
Falciai presenta la visione musicale per la Meditazione di Čajkovskij, ispiratrice di un racconto medievale carico di sentimentalismo e passione. [...]
(critica musicale)
2.
[FM-2016-372]

Musica al buio – Versione cinemusicale; F. Liszt: Rapsodia Ungherese n. 2 / Roberto Falciai
Cinematografo (25.12.1927, n. 22).
Altro racconto dal lessico colorito e poetico e dalle tinte lugubri, sinistre per le musiche di F. [...]
(critica musicale)
3.
[FM-2017-040]

Musica al buio – Visioni cinemusicali “Campane a festa” di G. Sgambati (Op. 12) / Roberto Falciai
Cinematografo (24.6.1928, n. 13).
Falciai fornisce un racconto paesano discorsivo e d’ispirazione, una visione cinematografica, stavolta, per le musiche di Sgambati (Campane a festa, op. [...]
(critica musicale)
4.
[FM-2017-037]

Musica al buio – Il Don Chisciotte di Riccardo Strauss / Roberto Falciai
Cinematografo (18.2.1928, n. 4).
L’articolo presenta una prima parte legata alla riflessione sul legame tra musica e cinematografo e la duplice attrazione tra l’elemento visivo e sonoro. [...]
(critica musicale)
5.
[FM-2016-371]

La musica al buio – “Barcarola tragica” / Roberto Falciai
Cinematografo (11.12.1927, n. 21).
Visione cinemusicale su Venetianisches Gondellied Op. [...]
(critica musicale)
6.
[FM-2018-081]

Il triangolo di Ravel / Callisto Cosulich
Amadeus (IV, 37, dicembre 1992).
L'autore analizza il film di Claude Sautet Un cuore in inverno e l'impiego della musica da camera di Maurice Ravel nella drammaturgia del racconto. [...]
(critica musicale)
7.
[FM-2016-345]

La musica al buio - preludio / Roberto Falciai
Cinematografo (10.7.1927, n. 10).
Il critico musicale R. [...]
(critica musicale)
8.
[FM-2016-346]

La musica al buio – all’avanguardia / Roberto Falciai
Cinematografo (24.7.1927, n. 11).
Il secondo intervento della rubrica La musica al buio, riflette in maniera lungimirante e forse pretenziosa sulle nuove possibilità musicali nel cinematografo. [...]
(critica musicale)
9.
[FM-2016-347]

La musica al buio – il fu sincronismo / Roberto Falciai
Cinematografo (7.8.1927, n. 12).
Il terzo intervento critico della rubrica La musica al buio risulta essere la logica continuazione del secondo: Falciai critica pesantemente il sincronismo, spiegando come quest’ultimo sia tecnicamente insufficiente e cinematograficamente inadeguato: a riguardo cita alcuni esempi di mancato sincronismo (La Geisha bionda ed alcune soluzioni dell’impresario Dante Maieroni al Teatro Quirino di Roma), non addentrandosi in specifiche di natura tecnico-scientifica. [...]
(critica musicale)
10.
[FM-2016-349]

La musica al buio – il sincronismo dei rumori / Roberto Falciai
Cinematografo (4.9.1927, n. 14).
Articolo che presenta una risposta decisa per compostezza e lucidità. [...]
(critica musicale)