LEVIdata 43 record trovati  1 - 10successivofine  salta al record: La ricerca ha impiegato 0.03 secondi. 
1.
spoglio
16112

Nei mesi che hanno visto la fine del comunismo e la crisi istituzionale dell'Urss, parlano due jazzisti della nuova Russia. Arkady Schilkloper, il bassista cosmopolita
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Ottobre Anno VII n.65, 28.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
2.
spoglio
16111

Nei mesi che hanno visto la fine del comunismo e la crisi istituzionale dell'Urss, parlano due jazzisti della nuova Russia. Leo Feigin, pioniere della scelta europea
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Ottobre Anno VII n.65, 28.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
3.
spoglio
18297

Karn, bassista che scolpisce. La nuova arte dell'ex Japan
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Febbraio Anno XIII n.124, 29.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
4.
spoglio
14280

E nell'89, festival dell'Urss
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Marzo, Anno IV n.26, 3.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
5.
spoglio
13020

<<E' la geografia che ci isola>>. Parlano i rappresentanti dell'orchestra
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Marzo, Anno II n.4, 10.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
6.
spoglio
6395

I Mesi dell'Approdo
In: L'Approdo, I,1, 5-8.
(n. inv. Labroca, 908)
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 6
7.
spoglio
6414

I Mesi dell'Approdo
In: L'Approdo, I,2, 3-6.
(n. inv. Labroca, 909)
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 6
8.
spoglio
6436

I mesi dell'Approdo
In: L'Approdo, I,3, 3-7.
(n. inv. Labroca, 910)
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 6
9.
spoglio
6455

I mesi dell'Approdo
In: L'Approdo, I,4, 3-6.
(n. inv. Labroca, 857)
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 6
10.
[FM-2017-1070]

52000 hanno visto Giovanna / Lo Duca
Cinema Nuovo (anno II, 20, 1 10 1953 ).
Lo Duca replica a Terzi, evidenziando i criteri seguiti per la riproposizione del film dal secondo negativo esistente (il primo bruciato a Epinay), ma rifiuta decisamente la mentalità del museo, aspirando a fare Cinéma d'Essai, considerato ben più vivo e utile della necrofilia filmica [...]
(critica musicale)