LEVIdata 20 records found  previous11 - 20  jump to record: Search took 0.01 seconds. 
11.
documento elettronico
spoglio
FL-2018-945

La nascita di una drammaturgia della musica per film : il ruolo di Giuseppe Becce
Fa parte di: Musica/Realtà. - Bari : Dedalo, 1980-. - a. 8, n. 24 (dicembre 1987), p. 103-119..
I-Vlevi
Miscellanea
(riproduzione digitale) (estratto)
PER 117

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

12.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-082

Interventi di riordino, restauro e digitalizzazione sulle collezioni della Fondazione Levi
Fa parte di: Biblioteca Gianni Milner 2012-2022 : Quaderni, 1 / a cura di Giorgio Busetto. - Venezia : Fondazione Levi, 2019. - p. 23-32.
Miscellanea
(estratto) (riproduzione digitale)

Abstract: Negli ultimi anni la Fondazione Levi ha investito tempo e risorse economiche per trattare adeguatamente, da un punto di vista conservativo e restaurativo, alcune importanti sezioni del proprio patrimonio artistico e documentario. Il contributo rende sinteticamente conto delle iniziative portate avanti su strumenti musicali, dipinti, disegni e fotografie, per poi approfondire il tema relativo alle diverse attività di digitalizzazione e trattamento della documentazione in formato elettronico, con particolare riguardo all’attività corrente di digitalizzazione, dal patrimonio bibliografico ai materiali audio e video. Nell’ultima parte del testo è invece trattato l'investimento fatto sulla comunicazione digitale con il processo che ha visto lo sviluppo del sito web della Fondazione (2014) e dell’archivio digitale Levidata (2018).

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

13.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-059

Taiwanese composers and piano works in the 20. century : traditional Chinese culture and the Taiwan xin yinyue
Fa parte di: Kervan : rivista internazionale di studii afroasiatici. - Torino : Facoltà di Lingue e Letterature straniere dell'Università, 2005-. - n. 1 (gennaio 2005), p. 49-71.
Miscellanea
(estratto) (riproduzione digitale)
non posseduto

Abstract: L'articolo intende dimostrare in che modo la musica pianistica possa essere considerata uno strumento principale per la comprensione dell'evoluzione della New Music taiwanese nel Ventesimo secolo. A partire dalla prima generazione di compositori taiwanesi e sulla base delle loro opere per pianoforte, viene analizzato il significato di "xin yinyue"; l'articolo prova quindi a identificare le influenze sia della così detta "cultura tradizionale" sia della musica occidentale nello sviluppo della nuova musica composta dalle generazioni successive di compositori. Viene inoltre preso in considerazione il ruolo di Xuanyin yaji (Atelier de creation musicale "Formusica") nella diffusione delle nuove composizioni pianistiche negli anni Novanta, dal momento che esso consente di delineare un profilo delle tendenze attuali della musica pianistica a Taiwan.

Riproduzione digitale: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

14.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-080

Un appunto dai bilanci della Fondazione Levi: le spese per le risorse umane e per la Biblioteca
Fa parte di: Biblioteca Gianni Milner 2012-2022 : Quaderni, 1 / a cura di Giorgio Busetto. - Venezia : Fondazione Levi, 2019. - p. 19-20.
Miscellanea
(estratto) (riproduzione digitale)

Abstract: Il contributo presenta i dati relativi al bilancio relativo alla Biblioteca "Gianni Milner" per il periodo 2012-2018 rispetto a due voci di impegno: risorse umane (personale dipendente, servizio civile, borse di studio, catalogazione, consulenze, aggiornamento); restauri e acquisizioni (distinti per acquisti, supporti e catalogazione, restauro e conservazione, lavori sulla sede, contributi ministeriali). I dati, presentati in forma grafica, sono accompagnati da un breve commento a illustrazione dei vari tipi di impegni sostenuti dalla Fondazione Ugo e Olga Levi nel periodo di riferimento.

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

15.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-081

Architettura, edilizia, restauri, manutenzioni attorno alla Biblioteca Gianni Milner della Fondazione Levi
Fa parte di: Biblioteca Gianni Milner 2012-2022 : Quaderni, 1 / a cura di Giorgio Busetto. - Venezia : Fondazione Levi, 2019. - p. 21-22.
Miscellanea
(estratto) (riproduzione digitale)

Abstract: Il contributo rende conto dei principali interventi di riqualificazione e manutenzione edilizia sul complesso del Palazzo Giustinian Lolin, sede della Fondazione Ugo e Olga Levi a Venezia. Viene offerto un breve focus sui lavori in oggetto, con particolare riguardo alla riqualificazione della biblioteca, del deposito librario (2013) e all'accesso per i disabili agli spazi di consultazione dalla corte del palazzo (2018), con una osservazione conclusiva circa l'impatto positivo dei vari interventi sulla funzionalità complessiva della struttura. Vengono inoltre rese note le risorse finanziate impegnate nei vari lavori, con indicazione dei contributi ricevuti da parte dello Stato e dalla Regione del Veneto nel periodo di riferimento (2012-2018).

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

16.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-091

Iconografie del musicista nella seconda metà dell’Ottocento. La Collezione Gambara Bovardi alla Fondazione Ugo e Olga Levi
Fa parte di: Biblioteca Gianni Milner 2012-2022 : Quaderni, 1 / a cura di Giorgio Busetto. - Venezia : Fondazione Levi, 2019. - p. 107-125.
Miscellanea
(estratto) (riproduzione digitale)

Abstract: La Fondazione Ugo e Olga Levi possiede dal 1981 una collezione di duecentouno disegni su carta o cartoncino (oltre a un’acquaforte), assemblata con tutta probabilità da Paolina Gambara Bovardi. Oltre a quelle della stessa Paolina, vi sono opere di artisti ragguardevoli come Giulio e Fanny Carlini, Raffaele Mainella, Tommaso Minardi e altri autori in numero totale di sessanta. Il contesto artistico e socio-culturale nel quale le opere videro la luce è definito estensivamente “Biedermeier”, tipico dell’Ottocento italiano post-risorgimentale. Si tratta, salvo poche eccezioni, di ritratti di musicisti e studiosi di musica, risalenti soprattutto agli anni Sessanta, Settanta e Ottanta del XIX secolo. Il contributo dà notizia dei lavori di verifica delle tecniche e dei supporti dei disegni, di ricostruzione filologica, analisi stilistica e attribuzione delle opere non firmate, di riconoscimento iconografico dei personaggi effigiati ancora non identificati, di ricerca bio-bibliografica e storico-critica sugli autori dei disegni e sui soggetti ritratti. Il contributo costituisce un resoconto in itinere sui lavori, in corso da oltre un anno, che nel complesso presentano un ambizioso progetto di catalogazione scientifica della raccolta grafica. Viene incluso un nuovo elenco aggiornato delle opere.

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

17.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-123

La plenitudo vocis articolata e letterata nella musica armonica di Marchetto da Padova
Fa parte di: Rappresentazioni della natura nel Medioevo / a cura di Giovanni Catapano e Onorato Grassi. - Firenze : Sismel Edizioni del Galluzzo, 2019. - p. 173-192.
Miscellanea
(estratto) (riproduzione digitale)

Abstract: La definizione di musica che Marchetto da Padova propone nella introduzione al suo “Lucidarium in arte musice plane” offre un nuovo approccio alla disciplina; nonostante essa si inserisca ancora in una tradizione secolare, tale definizione mette infatti in rilievo gli aspetti fisici del suono e il suo potenziale espressivo. Secondo Marchetto, non solo il suono della ‘vox’ rappresenta emozioni e sentimenti; non trasmette unicamente messaggi simbolici; esso può anche farsi veicolo di significati razionali, come quelli del linguaggio verbale. Il ragionamento di Marchetto è fondato sull’approccio di Aristotele mediato da Tommaso d’Aquino, i cui commenti ebbero un forte impatto sulla formulazione del lessico e delle definizioni da parte di scrittori e grammatici classici, Padri della Chiesa e teorici musicali. In particolare, Marchetto fa ricorso alla nozione di ‘differentiae vocis’ con l’intenzione di legittimare la ‘vox soni’ come ‘vox articulata et litterata’, l’unica in grado di designare contenuti cognitivi. Questo livello comunicativo è raggiunto con la ‘plenitudo vocis’ del canto mensurale, in cui le quantità e il tempo sono regolati dalla nuova notazione mensurale che, con le sue regole, rende possibile la perfezione del suono della voce.

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

18.
testo a stampa
monografia
3425

La Scala, con una testimoniana di Mario Labroca.
319 pp.
I-Vlevi
Fondo Piamonte
(volume)
STO 14
19.
spoglio
7676

Lettera aperta al Maestro Mario Labroca
In: Musica d'oggi. Nuova serie, III,8, 361-368.
(n. inv. Labroca, 1349)
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 17
20.
spoglio
22256

Appunti sulla didattica. VI
In: Il "Fronimo". Rivista trimestrale di chitarra e liuto, Gennaio, Anno XV n. 58, 28-32.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 115