LEVIdata 11 records found  1 - 10next  jump to record: Search took 0.02 seconds. 
1.
[FM-2019-003]

L'origine di un conflitto / Sergej Michajlovič Ėjzenštejn
Cinema 60 (Agosto, 1960).
L’autore presenta la problematica dei rapporti che vengono a crearsi sulla base di una giustapposizione di ruoli all’interno della produzione di un film. [...]
(critica musicale)
2.
[FM-2018-042]

s. t. / s. n.
Rassegna dorica (1930, II, n. 2).
In questo breve trafiletto viene inserita la considerazione secondo cui un professore d’orchestra deve essere considerato, per una casa di produzione, come un impiegato
(critica musicale)
3.
[FM-2018-071]

Due geni alla corte di un principe / Callisto Cosulich
Amadeus (Anno II, n12, Novembre, 1990).
In questo articolo elogiativo viene analizzata la musica di Sergej Prokof'ev scritta per il film Aleksandr Nevskij di Sergej Ėjzenštejn, che, secondo l'autore, «resta a tutt'oggi l'esempio insuperato di collaborazione tra regista e musicista nella creazione di un "film sonoro e parlato"... [...]
(critica musicale)
4.
spoglio
26588

Don Giovanni secondo Placido. Regio di Torino: l'attore debutterà come regista lirico
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Ottobre, Anno XX n.208, 6.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
5.
[FM-2018-074 ]

I diritti di Mozart / Callisto Cosulich
Amadeus (III, 14, gennaio 1991).
La musica di Mozart ha un ampio utilizzo nel cinema dall’epoca del muto fino ad oggi. [...]
(critica musicale)
6.
spoglio
13717

<<Perché reinventare tutto? Conta il personaggio>>. Parla un popolare attore divenuto regista, Gigi Proietti
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Marzo, Anno III n.15, 16.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
7.
[FM-2016-381]

Il parere del regista, del montatore e della critica / Mario Serandrei
Bianco e nero (XI, n. 5-6, maggio-giugno 1950).
Il compositore viene impiegato in fase finale di produzione per salvare come un medico le parti deboli o difettose del film; può anche succedere che ci si illuda di poter salvare il film. [...]
(critica musicale)
8.
[FM-2019-008]

Tempo di fascismo / Anonimo
Cinema 60 (Febbraio-Marzo, 1960).
La cronaca riporta il malcontento per l'insuccesso determinato dalla messa in onda della trasmissione "Tempo di musica". [...]
(critica musicale)
9.
[FM-2016-273]

Come ho musicato “Carrie” / David Raksin
Cinema (VI, 102, 31/1/1953).
Riflessione del compositore americano David Raksin sul proprio lavoro per il film di William Wyler Carrie, a partire dal concetto di empathy, ossia la capacità del musicista di identificarsi con lo stato d’animo dei personaggi del film per creare una partitura. [...]
(critica musicale)
10.
[FM-2016-380]

Aspetti della musica nel film / Giuseppe Rosati
Bianco e nero (XI, n. 5-6, maggio-giugno 1950).
La musica nei film svolge un ruolo sommamente basso. [...]
(critica musicale)