LEVIdata 7 records found  Search took 0.01 seconds. 
1.
musica a stampa
spartito
monografia
FL-2018-101

Una speranza!
[Una speranza -
mazurka -
pf -
Mi bemolle maggiore]
I-Vlevi
Fondo Levi - Riproduzioni
(riproduzione digitale)
Levi A.21
2.
45772

Una gita a Torino / Mazurka di G Manente
[<Una >gita a Torino -
Mazurka -
Do]
Fondo Treviso - Biblioteca Comunale
(scheda catalogo)
3.
spoglio
25507

Janácek che parlava primitivo. Una speranza oltre l'orrore umano. Le sue opere stanno entrando nel repertorio, nonostante la lingua cèca, per la loro capacità di scandagliare temi universali
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Luglio-Agosto Anno XX n.206, 24.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
4.
[FM-2016-377]

Tre opinioni / Ildebrando Pizzetti
Bianco e nero (XI, n. 5-6, maggio-giugno 1950).
Lo scritto è contenuto in Tre opinioni (ove si trovano anche due riflessioni a firma di Malipiero e Petrassi), ma il titolo di queste pagine di Pizzetti era in origine Lettera di un musicista ad un regista di cinematografo. [...]
(critica musicale)
5.
[FM-2017-962]

La morte e la speranza / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno IV, 66, 1 09 1955).
La musica del film giapponese è considerata calligrafica alla pari del colore, il termine ha una connotazione negativa perché sottolinea un'eleganza del tutto esteriore. [...]
(critica musicale)
6.
[FM-2016-086]

Il cinema italiano sul piano internazionale / Piero Gadda Conti
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (agosto 1951, n. 5).
Nell'esaltare il cinema italiano che si occupa delle così dette "questioni sociali", lasciando allo spettatore la speranza in un futuro migliore, Gadda Conti è costretto ad ammettere che uno dei generi più sviluppati del cinema italiano sono le opere musicali: niente di più lontano del cinema neorealista. [...]
(critica musicale)
7.
[FM-2016-346]

La musica al buio – all’avanguardia / Roberto Falciai
Cinematografo (24.7.1927, n. 11).
Il secondo intervento della rubrica La musica al buio, riflette in maniera lungimirante e forse pretenziosa sulle nuove possibilità musicali nel cinematografo. [...]
(critica musicale)