LEVIdata 12 records found  1 - 10next  jump to record: Search took 0.01 seconds. 
1.
[FM-2017-1238]

Spirito del cinema, contribuiti alla storia delle teoriche del film (11) / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno VII, 133, 15-30/ 06/1958).
Nel tentativo di ricostruire le riflessioni sul cinema di Epstein, Aristarco evidenzia la convinzione del cineasta francese che il cinema elabori autonomamente una forma di pensiero grazie alle caratteristiche intrinseche che possiede, come una sorta di cervello meccanico, che registri e riproponga fenomeni e realtà prima non visibili, non percettibili [...]
(critica musicale)
2.
[FM-2017-1241]

Giacomo Debenedetti e le risorse del cinema, contributi alle storia delle teoriche del film / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno VI, 110, 1 07 1957 ).
Nel riportare e commentare le considerazioni di Debenedetti, Aristarco sottolinea la convinzione del critico letterario che il cinema realizzi la propria vocazione artistica nell'alveo del realismo, che diventa pienamente compiuto proprio con il sonoro («realismo integrale») [...]
(critica musicale)
3.
[FM-2017-1234]

La scuola inglese e il suo fondatore, contributi alla storia delle teoriche del film (6) (2-continua) / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno VII, 129, 15 04 1958 ).
Aristarco considera poco originali le posizioni di Grierson per quanto riguarda il film sonoro, le attribuisce infatti ai principali cineasti sovietici, ma omette dalla sua sintesi il problema del microfono ubiquitario [...]
(critica musicale)
4.
[FM-2017-1233]

Film e realtà, contributi alla storia delle teoriche del film (6) (1- continua) / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno VII, 128, 1 04 1958 ).
All'interno del progetto di analisi e di critica dei contributi teorici sul cinema forniti da critici cinematografici, critici letterari, letterati e cineasti, Aristarco affronta il problema del documentario partendo dalle affermazioni dell'autore inglese John Grierson, contenute in "Principi fondamentali del documentario" (1932) [...]
(critica musicale)
5.
[FM-2019-001]

Gli innamorati del cinema / Jacques Becker
Cinema 60 (Luglio 1960).
L’autore del contributo Jacques Becker espone il proprio pensiero in relazione alla al modello che i registi nouvelle vague rappresentano per le nuove generazioni che vogliono intraprendere la carriera di cineasta. [...]
(critica musicale)
6.
[FM-2017-962]

La morte e la speranza / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno IV, 66, 1 09 1955).
La musica del film giapponese è considerata calligrafica alla pari del colore, il termine ha una connotazione negativa perché sottolinea un'eleganza del tutto esteriore. [...]
(critica musicale)
7.
[FM-2017-1066]

Schede – le luci della ribalta / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno II, 3, 15 01 1953 ).
Nella lunga analisi dedicata a “Luci della ribalta”, Aristarco si sofferma a elencare e analizzare nel dettaglio le sequenze sottolineate dal tema musicale principale del film, considerato un elemento che intensifica e sottolinea i momenti culminanti e più intensi della vicenda [...]
(critica musicale)
8.
spoglio
16327

Dopo il pensiero, il gesto. Per Roberto De Simone chi canta deve essere consapevole della sua finzione
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Marzo Anno VIII n.70, 2.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
9.
[FM-2017-989]

Otto film / P. B. (Pierre Billard)
Cinema Nuovo (anno V, 83, 25 05 1956 ).
L'autore dell'articolo, pienamente aderente alla linea critica di Cinema Nuovo promossa da Aristarco e identificata nella nozione di realismo, critica il film di Germi anche per la scelta della chitarra come strumento che connota la riconciliazione generale tra i protagonisti della vicenda [...]
(critica musicale)
10.
[FM-2017-1076]

La gioia di Vassili e il dolore di Pudovkin / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno II, 18, 1 09 1953).
Il film su Korsakov viene giudicato in base ai parametri del film biografico musicale, elaborati dalla redazione di Cinema Nuovo: la vita dell'artista deve essere inserita efficacemente nella vicenda sociale e storica della sua epoca e della sua nazione, ma questo non succede, anzi, da parte degli autori c'è persino una sopravvalutazione della personalità del musicista del gruppo dei Cinque. [...]
(critica musicale)