LEVIdata 4 records found  Search took 0.01 seconds. 
1.
spoglio
5527

La nozione di «realismo» nella Chovanscina di Musorgskij
In: Nuova Rivista Musicale Italiana, XVI,3, 313-329.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 3
2.
[FM-2017-989]

Otto film / P. B. (Pierre Billard)
Cinema Nuovo (anno V, 83, 25 05 1956 ).
L'autore dell'articolo, pienamente aderente alla linea critica di Cinema Nuovo promossa da Aristarco e identificata nella nozione di realismo, critica il film di Germi anche per la scelta della chitarra come strumento che connota la riconciliazione generale tra i protagonisti della vicenda [...]
(critica musicale)
3.
[FM-2017-1172]

Schede - India / Adelio Ferrero
Cinema Nuovo (anno IX, 147, sett. - ott. 1960).
Nella recensione del quarto episodio del film, di cui si critica la debolezza nell'impostazione generale, incapace di cogliere il contrasto dialettico tra la tradizione e lo slancio verso il rinnovamento che attraversa il paese, il critico sottolinea l'efficacissima compenetrazione di immagini e suoni che si compone durante il monologo interiore del protagonista. [...]
(critica musicale)
4.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-123

La plenitudo vocis articolata e letterata nella musica armonica di Marchetto da Padova
Fa parte di: Rappresentazioni della natura nel Medioevo / a cura di Giovanni Catapano e Onorato Grassi. - Firenze : Sismel Edizioni del Galluzzo, 2019. - p. 173-192.
Miscellanea
(estratto) (riproduzione digitale)

Abstract: La definizione di musica che Marchetto da Padova propone nella introduzione al suo “Lucidarium in arte musice plane” offre un nuovo approccio alla disciplina; nonostante essa si inserisca ancora in una tradizione secolare, tale definizione mette infatti in rilievo gli aspetti fisici del suono e il suo potenziale espressivo. Secondo Marchetto, non solo il suono della ‘vox’ rappresenta emozioni e sentimenti; non trasmette unicamente messaggi simbolici; esso può anche farsi veicolo di significati razionali, come quelli del linguaggio verbale. Il ragionamento di Marchetto è fondato sull’approccio di Aristotele mediato da Tommaso d’Aquino, i cui commenti ebbero un forte impatto sulla formulazione del lessico e delle definizioni da parte di scrittori e grammatici classici, Padri della Chiesa e teorici musicali. In particolare, Marchetto fa ricorso alla nozione di ‘differentiae vocis’ con l’intenzione di legittimare la ‘vox soni’ come ‘vox articulata et litterata’, l’unica in grado di designare contenuti cognitivi. Questo livello comunicativo è raggiunto con la ‘plenitudo vocis’ del canto mensurale, in cui le quantità e il tempo sono regolati dalla nuova notazione mensurale che, con le sue regole, rende possibile la perfezione del suono della voce.

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany