LEVIdata 6 records found  Search took 0.01 seconds. 
1.
[FM-2016-249]

--- / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno VI, 120-121, 15/12/1957).
Il critico recensisce Le notti bianche di Visconti ricercando il rapporto tra le idee musicali e gli obiettivi (presunti) fissati dal regista, che dalla musica intendeva ottenere determinati aspetti ambientali essenziali per la vicenda: una sorta di musica di scena [...]
(critica musicale)
2.
spoglio
18851

Milano diventa San Pietroburgo. Scala e quartetto: il festival "Notti bianche"
In: Il Giornale della Musica. Mensile di informazione e cultura musicale, Marzo Anno XIV n.136, 4.
I-Vlevi
Fondo Periodici
(rivista)
PER 96
3.
[FM-2016-200]

William Walton / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 97, 31/12/1956).
Pestalozza individua nell'opera di Walton la capacità di ottenere attraverso la musica una serie di connotazioni utili ai personaggi, all'ambiente, ai fatti delle pellicole di Olivier ricavate da Shakespeare [...]
(critica musicale)
4.
[FM-2016-292]

--- / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 87, 25/07/1956).
Pestalozza polemizza con l'articolo apparso nella rivista Società a proposito di Senso perché, a suo parere, mancava di un'adeguata analisi dell'elemento musicale, «che interviene con magistrale aderenza espressiva all'immagine» e il breve articolo giustifica la scelta di Visconti alla luce delle valenze culturali e delle caratteristiche stilistiche essenziali della musica di Brukner [...]
(critica musicale)
5.
[FM-2016-322]

Il canto popolare nella vita di Bartòk / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 76, 10/02/1956 ).
Pestalozza, ipotizzando un film su Bartòk, ne ripercorre la complessa vicenda artistica, biografica e musicologica, intrecciando il suo lavoro di recupero del canto e della tradizione musicale popolare dell'Europa orientale alla sua attività di compositore e di intellettuale ungherese del primo cinquantennio del Novecento [...]
(critica musicale)
6.
[FM-2017-1245]

Schede – Le notti bianche / Guido Aristarco
Cinema Nuovo (anno VI, 119, 1 12 1957 ).
Il film viene considerato una prova di stile raffinatissima da parte di Visconti, ma un passo indietro nell'ottica del realismo inteso da Aristarco [...]
(critica musicale)