LEVIdata 75 records found  previous11 - 20nextend  jump to record: Search took 0.03 seconds. 
11.
[FM-2016-317]

Colonna sonora. Musica bandita / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 95, 1/12/1956).
Nel recensire i due film Pestalozza individua la drastica riduzione dello spazio riservato al commento musicale [...]
(critica musicale)
12.
[FM-2016-298]

Colonna sonora. Rustichelli / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 96, 15/12/1956).
Pestalozza individua immediatamente un topos sfruttato dal musicista del film di Germi: costruendo una melodia in modo minore, tipico della musica popolaresca melanconica e triste, Rustichelli si adegua all'ambientazione romana del Ferroviere [...]
(critica musicale)
13.
[FM-2016-297]

Colonna sonora / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 94, 15/11/1956).
La recensione al film individua subito le intenzioni di costruire un kolossal, quindi di realizzare un operazione commerciale sfruttando Tolstoj e anche la musica si adegua a questo obiettivo, procedendo per facili stereotipi individuati da Pestalozza [...]
(critica musicale)
14.
[FM-2016-296]

Colonna sonora: Calabuig / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 93, 1/11/1956).
La recensione evidenzia nella musica del film un generico sinfonismo, buono per costituire lo sfondo all'atmosfera idillica della vicenda. [...]
(critica musicale)
15.
[FM-2016-294]

Colonna sonora / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 92, 15/10/1956).
La recensione al film di De Sica (Il tetto) evidenzia soluzioni musicali inadeguate dal punto di vista espressivo rispetto al film [...]
(critica musicale)
16.
[FM-2016-293]

Colonna sonora / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 88, 25/08/1956).
Nella recensione alla musica del film western di Webb, Pestalozza evidenzia il ricorso alla canzone in una colonna sonora giudicata di valore medio [...]
(critica musicale)
17.
[FM-2016-292]

I dischi / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 87, 25/07/1956).
Pestalozza polemizza con l'articolo apparso nella rivista Società a proposito di Senso perché, a suo parere, mancava di un'adeguata analisi dell'elemento musicale, «che interviene con magistrale aderenza espressiva all'immagine» e il breve articolo giustifica la scelta di Visconti alla luce delle valenze culturali e delle caratteristiche stilistiche essenziali della musica di Brukner [...]
(critica musicale)
18.
[FM-2016-271]

Musica nel film / Luigi Pestalozza
Cinema (V, 89, 30/6/1952).
Pestalozza, ripercorrendo a volo d’uccello alcune tappe della carriera di Alfred Newman a partire dalla composizione delle musiche per Furore, emette un giudizio fortemente critico, in cui viene sottolineato come il musicista “confonda l’arte con il mestiere” e come il suo metodo di comporre sia legato a luoghi comuni, tra cui il facile ricorso alla musica popolare. [...]
(critica musicale)
19.
[FM-2016-270]

Honegger si incontra con Gance in una locomotiva del 1922 / Luigi Pestalozza
Cinema (IV, 58, 15/3/1951).
L’articolo indaga i rapporti tra il compositore svizzero Arthur Honegger e il cinema a partire dalle musiche per La roue di Gance. [...]
(critica musicale)
20.
[FM-2016-267]

Colonna sonora / Luigi Pestalozza
Cinema Nuovo (anno V, 86, 10/07/1956).
Pestalozza parte dal presupposto che lo spettatore ormai possieda «un vocabolario musico-fantascientifico» che, nel caso della fantascienza, sia costituito dal suono stereofonico e da effetti meccanici, che devono avvalorare sia l'arco drammatico delle vicende, sia i paesaggi e le atmosfere siderali rappresentate [...]
(critica musicale)

LEVIdata : 75 records found   previous11 - 20nextend  jump to record:
Interested in being notified about new results for this query?
Set up a personal email alert or subscribe to the RSS feed.