Digital objects

Digital objects 2,726 records found  previous11 - 20nextend  jump to record: Search took 0.01 seconds. 
11.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-132

Vita difficile del teatro lirico
Fa parte di: L' Almanacco dello spettacolo italiano, 1958 / a cura di Giovanni Calendoli. - Roma : Edizioni dell'Ateneo, 1959. - p. 3-11, 187-197.
I-Vlevi
Miscellanea
Fondo Labroca L.A. 237

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

12.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-131

10. La lezione di Toscanini
Fa parte di: La Scala / Lorenzo Arruga ; con una testimonianza di Mario Labroca. - Milano : Electa, c1975. - p. 176-192.
I-Vlevi
Miscellanea
Piamonte STO 14

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

13.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-130

Per una testimonianza sulla Scala
Fa parte di: La Scala / Lorenzo Arruga ; con una testimonianza di Mario Labroca. - Milano : Electa, c1975. - p. 9-19.
I-Vlevi
Miscellanea
Piamonte STO 14

Abstract: Direttore artistico del Teatro alla Scala di Milano dal 1947 al 1949, Mario Labroca raccoglie in questo breve intervento introduttivo le sue riflessioni sul valore e sul ruolo dell'Istituzione scaligera, con alcuni aneddoti storici sulla vita del Teatro e in teatro, nonché sui suoi protagonisti.

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

14.
documento elettronico
monografia
FL-2019-129

Legge regionale 16 maggio 2019, n. 17
[Venezia,
Regione del Veneto,
2019].
Miscellanea

Abstract: La Legge regionale 16 maggio 2019, n. 17 (BUR n. 51/2019) disciplina gli interventi della Regione del Veneto in materia di valorizzazione dei beni culturali e di promozione e organizzazione di attività culturali e di spettacolo. Al Titolo I, il testo di legge espone principi, finalità, ambiti di intervento e forme di collaborazione con enti pubblici e privati (Capo I) e definisce l’attività di programmazione (Capo II). Al Titolo II vengono trattate le discipline relative a beni e servizi culturali (Capo I; di particolare interesse per gli Istituti di cultura gli art. 20-24), il patrimonio culturale regionale (Capo II), le attività culturali e di spettacolo (Capo III). Tra le numerose leggi abrogate a seguito della pubblicazione della presente si ricordano: L.R. 63/1984 “Contributi a enti locali per l’acquisto e l’adattamento di beni immobili da destinare a musei etnografici e delle culture locali”; L.R. 9/1985 “Promozione di iniziative editoriali riguardanti la storia, la cultura e la civiltà di Venezia e del Veneto”; L.R. 50/1984 “Norme in materia di musei, biblioteche, archivi di enti locali o di interesse locale”; L.R. 51/1984 “Interventi della Regione per lo sviluppo e la diffusione delle attività culturali”; L.R. 52/1984 “Norme in materia di promozione e diffusione di attività artistiche, musicali, teatrali e cinematografiche”.

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

15.
documento elettronico
monografia
FL-2019-128

[Circolare n. 14510 23/07/2019] : Codice del Terzo settore - Decreto legislativo n. 117 del 3 luglio 2017 - D. lgs. 105/2018 del 3 agosto 2018
Roma,
Mibac,
2019.
Miscellanea

Abstract: Il 3 agosto 2017 è entrato in vigore il decreto legislativo n. 117 del 3 luglio 2017 noto come "Codice del Terzo settore", pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 179 del 2 agosto 2017. Il Codice del Terzo settore costituisce un corpo normativo organico, volto a regolare sia sul piano civilistico che sul piano tributario gli enti non lucrativi che perseguono finalità civiche, solidaristiche o di utilità sociale. Obiettivo della riforma è quello di una revisione complessiva della legislazione in materia al fine di: conferire al Terzo settore una specifica identità sotto il profilo giuridico; semplificare e armonizzare le molteplici normative di dettaglio, talvolta sovrapponibili, indirizzate a diverse tipologie di soggetti non profit e valorizzare un settore centrale per l'economia del Paese (in termini di addetti, di utenti e di volume d'affari). In particolare, per acquisire la qualifica di ETS individuati dall’art. 4 comma 1 del Codice, l'attività svolta dagli Istituti culturali in via esclusiva o principale, dovrà rientrare tra una delle attività di interesse generale elencate all' art. 5 comma 1 del Codice, alle lettere d), j), i), k).

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

16.
documento elettronico
monografia
FL-2019-127

Regolamento concernente la procedura per la formazione degli elenchi nazionali di archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi fisici, esperi di diagnostica e di scienza e tecnologia applicate ai beni culturali e storici dell'arte ...
[Roma],
Mibac,
2019.
Miscellanea

Abstract: Il Decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali del 20/05/2019 disciplina le modalità e i requisiti per l’iscrizione dei professionisti negli elenchi nazionali di archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi fisici, esperti di diagnostica e di scienza e tecnologia applicate ai beni culturali e storici dell’arte, in possesso dei requisiti individuati ai sensi della legge 22 luglio 2014, n. 110. Entro 90 giorni dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del D.M., la Direzione generale Educazione e Ricerca del Ministero per i Beni e le Attività Culturali procederà alla pubblicazione dei “Bandi permanenti” per l’iscrizione all’elenco di ciascuno dei profili professionali indicati. (testo tratto dalla nota di Lucia Antonelli in AIB notizie)

Allegati 1-8 (Testo completo): Download fulltextPDF D.M. 244 20/05/2019 (Testo completo): Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

17.
documento elettronico
monografia
FL-2019-126

Leonardo da Vinci as a musician
New Haven ; London,
Yale University Press,
1982.
Miscellanea

Abstract: The central problem of Leonardo's music is essentially the same as that posed by all extemporized performance in the Renaissance: the vital evidence of the music itself simply has not been recorded. […] Winternitz's great strength lies in his interpretations of Leonardo's sketches for musical instruments, which range from cursory scribbles to detailed diagrams of mechanical components. He demonstrates that Leonardo's extraordinary inventiveness was no less vividly apparent in music than in other areas of his scienza. The author's analyses of the drawings are highly persuasive and permit him to credit Leonardo with a number of notably ingenious conceptions. Most remarkable of these is the viola organista. (dalla recensione di Martin Kemp in Journal of the American Musicological Society, 36/2, 1983, p. 312)

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany

18.
musica manoscritta
parti
monografia
FL-2019-125

Sinfonia | Del Sig:r Giuseppe Sarti | Nel Teatro S. Moisé | In Venezia | 1753.
[Il re pastore -
Sinfonia -
orch -
Sol maggiore]
I-Vlevi
Fondo Levi - Riproduzioni
(riproduzione digitale) (scheda catalogo)
scheda n° 337.
CF.C.202
19.
musica manoscritta
partitura
monografia
FL-2019-124

Scena, e Aria | del | Sig:re Giuseppe Sarti
[Bella Dea per cui degl'anni -
Aria -
V, orch -
La maggiore]
I-Vlevi
Fondo Levi - Riproduzioni
(riproduzione digitale) (scheda catalogo)
scheda n° 337.
CF.B.81
20.
documento elettronico
spoglio
FL-2019-123

La plenitudo vocis articolata e letterata nella musica armonica di Marchetto da Padova
Fa parte di: Rappresentazioni della natura nel Medioevo / a cura di Giovanni Catapano e Onorato Grassi. - Firenze : Sismel Edizioni del Galluzzo, 2019. - p. 173-192.
Miscellanea
(estratto) (riproduzione digitale)

Abstract: La definizione di musica che Marchetto da Padova propone nella introduzione al suo “Lucidarium in arte musice plane” offre un nuovo approccio alla disciplina; nonostante essa si inserisca ancora in una tradizione secolare, tale definizione mette infatti in rilievo gli aspetti fisici del suono e il suo potenziale espressivo. Secondo Marchetto, non solo il suono della ‘vox’ rappresenta emozioni e sentimenti; non trasmette unicamente messaggi simbolici; esso può anche farsi veicolo di significati razionali, come quelli del linguaggio verbale. Il ragionamento di Marchetto è fondato sull’approccio di Aristotele mediato da Tommaso d’Aquino, i cui commenti ebbero un forte impatto sulla formulazione del lessico e delle definizioni da parte di scrittori e grammatici classici, Padri della Chiesa e teorici musicali. In particolare, Marchetto fa ricorso alla nozione di ‘differentiae vocis’ con l’intenzione di legittimare la ‘vox soni’ come ‘vox articulata et litterata’, l’unica in grado di designare contenuti cognitivi. Questo livello comunicativo è raggiunto con la ‘plenitudo vocis’ del canto mensurale, in cui le quantità e il tempo sono regolati dalla nuova notazione mensurale che, con le sue regole, rende possibile la perfezione del suono della voce.

Testo completo: Download fulltextPDF

Il record compare in queste collezioni:
«Gianni Milner» Library > Miscellany
Digital objects
Miscellany


Digital objects : 2,726 records found   previous11 - 20nextend  jump to record:
Interested in being notified about new results for this query?
Set up a personal email alert or subscribe to the RSS feed.