000059092 001__ 59092
000059092 005__ 20190327141904.0
000059092 037__ $$aFM-2019-007
000059092 100__ $$aVittorio De Seta
000059092 245__ $$aPastori e banditi contro le convenzioni dell'industria
000059092 254__ $$xNo
000059092 254__ $$yNo
000059092 254__ $$zNo
000059092 302__ $$a17
000059092 302__ $$b24
000059092 518__ $$dOttobre, 1960
000059092 520__ $$aLa redazione trasmette una lettera del regista e documentarista Vittorio De Seta destinata a spiegare l’andamento delle fasi di post-produzione del suo primo film "Banditi a Orgosolo". Adoperando un tono molto confidenziale «Cari amici», De Seta, prima di descrivere il proprio diario di bordo per le riprese del film, esordisce con una propria digressione sulle modalità con le quali tratta materia visiva e sonora. Prendendo come esempio il documentario "Lu tempu di li piscispata", De Seta riporta che in fase di montaggio la colonna sonora fu trasmessa in moviola. Con tale prassi De Seta è riuscito ad imprimere alla sequenza dell'uccisione del pesce spada un certo ritmo caratterizzato da una convulsiva ossessione.
000059092 760__ $$aCinema 60
000059092 760__ $$dCarucci Editore
000059092 760__ $$oRoma
000059092 8560_ $$farmandoianniello@hotmail.it
000059092 90600 $$dspoglio
000059092 90600 $$aarticolo
000059092 910__ $$aVittorio$$bDe Seta$$cRegista, documentarista
000059092 910__ $$aCarl Gustav$$bJung$$cPsichiatra
000059092 910__ $$aAntonio$$bMonni$$cAvvocato, politico
000059092 920__ $$aIsola di fuoco$$bIsole di fuoco$$c1954$$dVittorio De Seta
000059092 920__ $$aLu tempu di li pisci spata$$bLu tempu de li pisci spata$$c1954$$dVittorio De Seta
000059092 920__ $$aBanditi a Orgosolo$$bBanditi a Orgosolo$$c1961$$dVittorio De Seta$$eValentino Bucchi
000059092 920__ $$aLa dolce vita$$bLa dolce vita$$c1960$$dFederico Fellini$$eNino Rota
000059092 980__ $$acritica musicale