000059088 001__ 59088
000059088 005__ 20190327141904.0
000059088 037__ $$aFM-2019-003
000059088 100__ $$aSergej Michajlovič Ėjzenštejn
000059088 245__ $$aL'origine di un conflitto
000059088 254__ $$xNo
000059088 254__ $$yNo
000059088 254__ $$zNo
000059088 302__ $$a26
000059088 302__ $$b28
000059088 518__ $$dAgosto, 1960
000059088 520__ $$aL’autore presenta la problematica dei rapporti che vengono a crearsi sulla base di una giustapposizione di ruoli all’interno della produzione di un film. Lo scritto è incentrato principalmente sul conflitto che si viene a creare tra regista e attore durante la produzione di un film. Ad ogni modo Eisenstein non manca di paragonare il binomio regista-attore a quello che viene a crearsi tra regista e compositore. Per spiegare meglio il ruolo che un attore cinematografico deve avere all’interno di una produzione cinematografica, Eisentein descrive, ricorrendo alla terminologia musicale, le caratteristiche per cui un attore cinematografico è degno di tale mansione: «armonizzare l’interpretazione», «rispettare il tono degli altri elementi; la disposizione della musica», avere «un senso molto più acuito dello stile, della tonalità nella quale l’opera è costruita. Il discorso poi viene espanso e ciò permette che Eisenstein chiami in causa la figura del compositore il quale deve lavorare alla musica da assegnare alle sequenze cinematografiche rispettando lo stile che il regista inserisce nelle proprie riprese. L’esempio citato riguarda la composizione di una melodia popolare che, per essere tale, non necessita dell’impiego di uno strumento annoverato tra quelli folcloristici.
000059088 760__ $$aCinema 60
000059088 760__ $$dCarucci Editore
000059088 760__ $$oRoma
000059088 8560_ $$farmandoianniello@hotmail.it
000059088 90600 $$dspoglio
000059088 90600 $$aarticolo
000059088 910__ $$aValentin Aleksandrovič$$bSerov$$cpittore
000059088 980__ $$acritica musicale