Dati articolo

[FM-2018-117]
[articolo]
Autore s. n.
Titolo L’arta italiana e il cinema parlante nel parere di un competente
Rivista L'Eco del Cinema - Organo dell'Industria e Commercio cinematografico, (1929, n. 67)
Bologna, Arti Grafiche Cosini-Aldrovandi
7 - 8.


Abstract Si sta per celebrare la morte del cinematografo, soppiantato dalle talkies. Questa rivoluzione è inarrestabile a parere di Stefano Pittaluga, che vi vede il trionfo del paradigma dell’imitazione realistica. C’è allarme tra gli attori e le attrici, perché non basta la bellezza fisica: si chiede voce, intonazione, dizione. Il cinema sonoro aprirà le porte ai cantanti lirici italiani, che già vedono il trionfo internazionale. Ci sarà perdita di occupazione per gli orchestrali delle sale, ma potranno essere occupati nei teatri di posa. Il nuovo cinema sonoro a vocazione musicale rappresenterà una indubbia concorrenza per il teatro lirico, ma lo farà tuttavia in modo del tutto proprio: le riduzioni cinematografiche delle opere liriche faranno vedere gli antefatti e gli episodi di passaggio che a teatro vengono solo riferiti.


Esempi musicali No
Riferimenti a dischi No
Riferimenti a edizioni musicali No


Persone correlate

NomeCognomeRuolo
BenitoMussolini
StefanoPittalugaproduttore
Mander
Martinelli
Pertile
TitoSchipaCantante
BeniaminoGigliCantante
TittaRuffoCantante
Fëdor Ivanovič Šaljapincant


Film correlati

Titolo italianoTitolo originaleAnnoRegistaAutore musiche


Musiche correlate

Titolo italianoTitolo originaleCompositore
AidaAidaGiuseppe Verdi


Riferimenti esterni

Risorse correlate (n.d.)
Edizioni critiche (n.d.)


 Record creato 2018-12-26, modificato l'ultima volta il 2019-03-27



Vota questo documento:

Rate this document:
1
2
3
 
(Non ancora recensito)