Dati articolo

[FM-2018-067]
[articolo]
Autore C. Chaplin
Titolo Cosa penso del "parlato"
Rivista Cinematografo, (30.10.1930, n. 10)
Roma, Alberto Stock
13 - 13.


Abstract Breve intervento critico di C. Chaplin sul film parlato. Egli considera il film muto unico genere cinematografico per la sua naturale propensione all’immagine, mentre il teatro diviene l’arte della parola. Le preferenze di Chaplin sono palesi e la sua avversione per il genere sonoro/parlato è indiscutibile, tanto da portarlo alla convinzione che nessun film sonoro potrà competere con i miei films muti (cit.). L’attore muto continuerà la personale produzione muta, su richieste del suo vasto pubblico ammiratore. Chaplin asserisce altresì che il sonoro/parlato subirà a breve una crisi causa le limitazioni della lingua, differente per ciascuna nazione. Il film muto, al contrario, gode di un’universalità dovuta alla rappresentazione visiva, accompagnata da apposite didascalie.


Esempi musicali No
Riferimenti a dischi No
Riferimenti a edizioni musicali No


Persone correlate

NomeCognomeRuolo
CharlieChaplinRegista


Film correlati

Titolo italianoTitolo originaleAnnoRegistaAutore musiche
/////


Musiche correlate

Titolo italianoTitolo originaleCompositore
///


Riferimenti esterni

Risorse correlate IMDd
Edizioni critiche
  • /


  •  Record created 2018-04-07, last modified 2019-03-27



    Rate this document:

    Rate this document:
    1
    2
    3
     
    (Not yet reviewed)