@article{FL-2018-418,
      title         = "{«L’aere è fosco, il ciel s’imbruna». Arti e musica
                       a Venezia dalla fine della Repubblica al Congresso di
                       Vienna}",
      year          = "2000",
      note          = "Atti del convegno di studi, Venezia 10-12 aprile
                       1997Contiene: Premessa, pp. V-VIII; ACHILLE OLIVIERI, La
                       storia e il mondo trasfigurato in musica: Venezia dopo il
                       1797 e Giuseppe Toaldo, pp. 1-17; ANDREA LUPPI, Bello
                       ideale e bello musicale nella polemica tra Mayer e Carpani,
                       pp. 19-42; LICIA SIRCH, Il poema La musica di Tomas de
                       Iriarte (1779 e 1789). Itinerari dell’estetica musicale a
                       Venezia tra Sette e Ottocento, pp. 43-68; CLAUDIO TOSCANI,
                       Politica culturale e teatro nell’Italia napoleonica: i
                       concorsi governativi, pp. 71-98; FRANCIS HASKELL, Il culto
                       della personalità nell’arte veneziana verso la fine
                       dell’Ancien Régime, pp. 99-105; SERGIO DURANTE, Guerra e
                       pace: occasioni musicali padovane nel periodo napoleonico,
                       pp. 107-117; PIER GIUSEPPE GILLIO, La cantata
                       politico-encomiastica veneziana (1797-1815), pp. 119-148;
                       PIETRO REVOLTELLA, Gli Oracoli di Gerione di Marco Antonio
                       Sumàn. Un omaggio padovano per le nozze di Napoleone
                       Bonaparte, pp. 149-171; MARIA GIRARDI, Omaggi napoleonici
                       di Francesco Caffi e accademie classiche in casa del
                       principe Andrea Erizzo, pp. 173-199; EMILIO SALA, I due
                       prigionieri ossia una burla fortunata del genere «à
                       sauvetage», pp. 201-243; ADRIANO MARIUZ, 1797: echi nelle
                       arti figurative, pp. 215- 243; MARIA IDA BIGGI, Da
                       Fontanesi a Borsato. La scenografia a Venezia tra
                       Settecento e Ottocento, pp. 245-254; MARIA GIOVANNA
                       MIGGIANI, Esordi operistici di Gaetano Rossi: i numeri
                       introduttivi nella produzione 1798-1822, pp. 255-297; BEATE
                       HANNEMANN, Canti rivoluzionari e culto del sole: l’opera
                       rivoluzionaria e massonica al teatro La Fenice 1797-1815,
                       pp. 299-314; NORBERT DUBOWY, Templi, vergini e sacerdoti:
                       Aspekte des sakralen in der venezianischen Opera Seria um
                       1800, pp. 315-349; MARCO MARICA, La produzione
                       librettistica di Giuseppe Maria Foppa a Venezia tra la fine
                       della Repubblica e la Restaurazione, pp. 351-410;
                       GIANDOMENICO ROMANELLI, Città e architettura tra
                       Rivoluzione e Restaurazione: il ‘caso’ Venezia, pp.
                       411-422; JOHN ROSSELLI, L’impresa della Fenice tra regime
                       napoleonico e Restaurazione, pp. 423-432; FRANCO ROSSI,
                       L’eco dei calendari teatrali a Venezia nel Giornale dei
                       Teatri, pp. 433-472; ANTONIO CARLINI, «Lo strepitoso
                       risonar de’ stromenti da fiato & timballierie».
                       Modalità e modelli della musica pubblica a Venezia e in
                       Italia negli anni della Rivoluzione francese, pp. 473-505;
                       ANDREA FABIANO, Ladri, briganti, bibliotecari, musicisti e
                       cantanti: l’opera veneziana a Parigi tra Repubblica
                       direttoriale e Consolato, pp. 507-526; FAUSTO SARTORI,
                       Suonatori ad orecchio e mercenari professori: la
                       corporazione dei musicisti a Venezia nell’ultimo secolo
                       di vita della Repubblica veneziana, pp. 527-539; PAOLO
                       FABBRI, Gli esordi teatrali di Pavesi a Venezia, pp.
                       541-556; LUCA ZOPPELLI, Fingallo, Comala e Bonaparte, pp.
                       557-565; ALBERTO RIZZUTI, Giovanna d’Arco all’opera:
                       diario rivoluzionario di una debuttante (1789-1797), pp.
                       567-577; FRANCESCO PASSADORE, Festeggiamenti e celebrazioni
                       in musica alla Fenice tra Settecento e Ottocento, pp.
                       579-592; MARCO BEGHELLI, Alle origini della cabaletta, pp.
                       593-630; PAOLO PINAMONTI, Il Maometto II da Napoli a
                       Venezia, pp. 631-639; Indice dei nomi, pp. 641-665Prezzo di
                       listino: 46€.",
}