Dati articolo

[FM-2017-987]
[articolo]
Autore Massimo Olmi
Titolo Tre registi e un manifesto
Rivista Cinema Nuovo, (anno V, 78, 10 03 1956 )
Milano, Cinema Nuovo Editrice
150 - 151.


Abstract L'articolo segnala la nascita del Free Cinema grazie all'intraprendenza del BFI (British Film Institute), che decide di finanziare la sperimentazione cinematografica al di fuori dei circuiti commerciali tradizionali. L'operazione è considerata da Olmi come un tentativo di elaborare l'esperienza neorealista italiana in chiave anglosassone, ma ancora ferma al documento sulla realtà rappresentata senza l'indicazione di una precisa presa di coscienza critica. Di “O Dreamland”, satira dei divertimenti di massa in Gran Bretagna, si evidenzia il sonoro ottenuto con suoni registrati dal vero e il commento parlato di Frankie Lane, una voce dal carattere «imperante», che avrebbe potuto portare ordine nel cortometraggio, ma che in realtà amplifica il disordine, il senso di confusione. Nelle didascalie delle foto che accompagnano l'articolo, il film “Together” della Mazzetti, un dramma di due muti, viene presentato come un «film muto con sonoro». Del film “Momma don't allow” si ricorda il cockney (il parlato dialettale londinese dei bassifondi dell'epoca) e il tentativo di documentare la vita dei giovani che frequentano i jazz-club di Wood Green.


Esempi musicali No
Riferimenti a dischi No
Riferimenti a edizioni musicali No


Persone correlate

NomeCognomeRuolo
Sinfonia of London orchestra


Film correlati

Titolo italianoTitolo originaleAnnoRegistaAutore musiche
O Dreamland1953Lindsay Anderson, John Fletcher
Together1956Lorenza Mazzetti, Denis HorneDaniele Paris
Momma don't allow1955Karel Reisz, Tony Richardson


Musiche correlate

Titolo italianoTitolo originaleCompositore


Riferimenti esterni

Risorse correlate (n.d.)
Edizioni critiche (n.d.)


 Record created 2017-07-17, last modified 2019-03-27


Fulltext:
Download fulltext
PDF

Rate this document:

Rate this document:
1
2
3
 
(Not yet reviewed)