Dati articolo

[FM-2016-373]
[articolo]
Autore Gino Marinuzzi
Titolo Aspetti della musica nel film
Rivista Bianco e nero, (XI, n. 5-6, maggio-giugno 1950)
Roma, Edizioni dell'Ateneo
35 - 39.


Abstract Secondo il direttore d’orchestra Gino Marinuzzi la musica nel film può essere considerata ‘commento cinematografico’ quanto ‘musica a programma’. Specie in Italia, ha un ruolo subordinato rispetto al film, e si può parlare di ‘funzionalità’ della musica. Registi e produttori spesso non esperti di musica, quindi fanno scelte musicali poco valide sul piano artistico. In più tendono a soffocare la personalità del compositore, e a concedergli un tempo troppo esiguo per svolgere il suo lavoro. Marinuzzi biasima poi la tendenza di registi e produttori a preferire i sincroni. Si è venuta purtroppo a costituire una sorta di ‘formulario’ generale che annulla l’individualità dei compositori. Il pubblico non è responsabile di questo ‘appiattimento’. Il compositore dovrebbe essere lasciato libero, e costui dovrebbe potersi confrontare con le caratteristiche ‘interiori’ del film. La musica, arte essenzialmente astratta, dovrebbe poter evocare immagini e sensazioni. Come se ciò non bastasse, la musica in genere viene eseguita ed incisa male. E’ auspicabile una prolungata e profonda intesa col regista. Occorre riscattare il genere della musica per film come arte nobile, e dare spazio ai giovani compositori.


Esempi musicali No
Riferimenti a dischi No
Riferimenti a edizioni musicali No


Persone correlate

NomeCognomeRuolo
Sergej SergeevičProkof'evCompositore
ArthurHoneggerCompositore


Film correlati

Titolo italianoTitolo originaleAnnoRegistaAutore musiche


Musiche correlate

Titolo italianoTitolo originaleCompositore


Riferimenti esterni

Risorse correlate (n.d.)
Edizioni critiche (n.d.)


 Record created 2016-12-13, last modified 2019-03-27



Rate this document:

Rate this document:
1
2
3
 
(Not yet reviewed)