Musiche per film nei periodici italiani - schede critiche
Esaminare le recensioni che hanno affollato le riviste musicologiche e cinematografiche e i periodici in genere, indagare i complessi legami che esse via via portano alla luce è la necessaria premessa per studi di carattere analitico sulla musica per film, espressione artistica di approccio complesso, al centro di una fitta rete di relazioni con i fenomeni artistici e culturali coevi.
Consulta l'elenco delle riviste spogliate.

Musiche per film nei periodici italiani

Ultimi arrivi:
2019-12-31
15:25
[FM-2019-049]

Cinema e futurismo / Mario Verdone
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (XIV, 54, settembre 1964 ).
Verdone riporta le parole di Marinetti, che nei diversi manifesti futuristi usa termini musicali innanzitutto per indicare nuovi metodi con cui strutturare le opere d'arte, esibendo l'aspetto frammentario della realtà, rivelato dalla velocità e dal movimento [...]
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili
2019-12-31
10:21
[FM-2019-048]

Un festival del film di fantascienza a Trieste / Piero Zanotto (P.Z.)
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (XIII, 50-51, dicembre 1963).
Nel recensire il primo festival del cinema di fantascienza di Trieste, Zanotto si sofferma sui film vincitori, Icarie XB1 del ceco Indrich Polack e La Jetée di Chris Marker. [...]
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili
2019-12-30
21:15
[FM-2019-047]

«The Robber Symphony» / Flavia Paulon
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (XI, 44-45, dic. 1961 ).
Nel ricostruire l'alterna fortuna del film, si insiste sulla sua originalità, infatti non viene tratteggiato né come un film-opera e nemmeno come una sinfonia, ma si tratta di un musical giudicato di ottima qualità. [...]
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili
2019-12-30
21:04
[FM-2019-046]

Dalla pittura moderna al cinema moderno / Hans Richter
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (XIV, 54, settembre 1964 ).
Secondo Richter, il cinema d'avanguardia, o cinema sperimentale, avendo iniziato la propria produzione a partire da ricerche sulle forme astratte, ha adoperato il film come uno strumento per risolvere questioni scaturite dall'arte contemporanea [...]
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili
2019-12-30
20:14
[FM-2019-045]

L'ultimo Chaplin: preferisco essere felice che diventare presidente / Fernaldo Di Giammatteo
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (XVII, 62, giu. - sett. 1967 ).
Di Giammatteo approfitta della Contessa di Hong Kong per un saggio sullo stile e i temi del cinema di Chaplin [...]
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili
2019-12-30
20:01
[FM-2019-044]

La satira disegnata del film western / Piero Zanotto
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (XIV, 55, dicembre 1964).
Nel recensire il primo film di animazione di Bozzetto, Zanotto sottolinea l'importanza degli effetti sonori e quindi del lavoro di Pazzaglia, che viene considerato un tecnico-artista alla pari dello scenografo, del direttore della fotografia e dell'animatore [...]
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili
2019-12-30
17:59
[FM-2019-043]

Hanno preferito Les parapluies / Piero Zanotto
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (XIV, 54, settembre 1964 ).
Nonostante la musica di Legrand sia giudicata decisiva per la resa emozionale del film e costituisca quindi un suo punto di forza, l'opera viene stroncata [...]
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili
2019-12-30
17:52
[FM-2019-042]

Laurel & Hardy alla Viennale / Piero Zanotto
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (XVIII, 63, gennaio-marzo 1968 ).
Recensendo l'ottava edizione della Viennale di cinema dedicata a Laurel & Hardy, Zanotto sottolinea come l'avvento del parlato non abbia travolto il duo comico come è accaduto ad altri attori del muto; anzi, l'accento marcatamente georgiano di Hardy, che produce una parlata carica di curiosi effetti fonetici, e quello molto inglese di Sten Laurel continuano - sul piano del sonoro - il sistematico e interminabile contrasto, che è il fondamento della comicità dei due inguaribili maldestri..
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili
2019-12-30
17:36
[FM-2019-041]

L'antifilm di Antonioni / D. B. Kuspit
La biennale di Venezia, rivista trimestrale dell'Ente della Biennale (XIX, 64-65, gennaio-giugno 1969).
Kuspit sostiene che Blow up sia il prototipo dell'antifilm, vale a dire un'opera costruita per dare all'esperienza visiva la netta preminenza sull'impianto narrativo [...]
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili
2019-12-03
19:46
[FM-2019-040]

Vedere la musica / Callisto Cosulich
Amadeus (III, 25, dicembre, 1991).
Nell'articolo l'autore analizza il ruolo che la musica svolge nei film presentati alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (48ª edizione). [...]
(critica musicale)

Record dettagliato - Record simili